SLI

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

[ Indietro ]PDFStampaE-MailvCal/iCal

B. Turchetta presenta Le parole del cibo (Palermo, 2016)

Data:
13.12.2017     
Orari:
16:30 alle 18:00
Luogo:
Dipartimento di Scienze Umanistiche - Catania
Indirizzo:
Ex Monastero dei Benedettini, Piazza Dante 32
Persona di contatto:
Iride Valenti   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito web:
http://www.disum.unict.it/it/con...
Telefono:
0957102281
Categoria:
Conferenza
Aggiunto da:
Iride Valenti (iridevalenti)

Informazioni aggiuntive

Mercoledì 13.12.2017 alle 16,30 nel Coro di Notte Barbara Turchetta (Università di Firenze) presenta il volume di A. Castiglione, Le parole del cibo. Lingua e cultura dell'alimentazione a Troina (2016). Si tratta di una riflessione su come l’alimentazione e la cucina siano luoghi privilegiati di identità e di identificazione, ma anche di scambi culturali e linguistici. Nella cultura alimentare di ogni comunità umana si conservano segni insospettabili del contatto tra i popoli e tali tracce vanno cercate soprattutto nella cucina subalterna, dove si nasconde un patrimonio di conoscenze rimasto ai margini della scrittura e della documentazione tradizionale: così, è emblematico ritrovare in un isolato paese della Sicilia come Troina la tradizione mediterranea del grano coniugata, in felice sincretismo, con la tradizione nordica della carne – quella del maiale in particolare – certamente rinforzata dai Normanni e favorita dalle condizioni pedologiche del territorio. Ed è altrettanto emblematico scoprire un alimento come la focaccia con sambuco, farcita di formaggio e salame (vastedda cû sammucu), nella quale il paradigma del pane e quello della carne (di maiale) trovano armonica sintesi, sullo sfondo dei riti dell’alloro e della sopravvivenza delle processioni dafnoforiche di ascendenza mediterranea... Attraverso l’indagine sul lessico del cibo e sui modelli antropologici ad esso connessi è facile scoprire come le tradizioni – linguistiche e culturali – lungi dall’essere strutture immutabili, si rimodellano continuamente grazie alla spinta dei piccoli e grandi “conflitti” di lingue e di culture che attraversano la Storia e le storie delle società umane.